Mastoplastica riduttiva

Alcune donne non si sentono a proprio agio con la forma o le dimensioni del loro seno. Oltre ai seni troppo piccoli, un seno grande può creare un disturbo estetico e un forte dolore. Inoltre, il grande peso dei seni spesso fa sì che le spalline del reggiseno vengano sollecitate dolorosamente e provochino tensione e dolore nella zona del collo e della schiena. Inoltre, seni di grandi dimensioni possono causare danni posturali. In questi casi, la riduzione del seno non solo è motivata esteticamente, ma anche raccomandata da un punto di vista medico.
 
Cosa succede durante una mastoplastica riduttiva?
Operazione chirurgica per ridurre le dimensioni del seno. (mastoplastica riduttiva) avviene in anestesia generale e in ricovero. Lo scopo della riduzione del seno è quello di rimuovere il tessuto ghiandolare e la pelle in eccesso e di adattare la forma del seno in modo armonioso e naturale alle proporzioni del corpo. A seconda delle indicazione personi e del risultato desiderato, la tecnica di taglio può variare durante l'intervento chirurgico. Si fa attenzione che i successivi processi di cicatrizzazione siano difficilmente visibili. In alcuni casi è consigliabile combinare la riduzione del seno con una liposuzione, uno stringimento del seno o una correzione del capezzolo. Dopo l'intervento è necessario un periodo di riposo di circa sei settimane. Durante questo periodo, uno speciale reggiseno protegge e sostiene il nuovo seno. Le attività sportive sono generalmente possibili dopo circa tre mesi.
 
Quali complicanze possono manifestarsi?
Similmente ad altre operazioni, anche dopo dopo la riduzione del seno possono verificarsi emorragie, problemi nella cicatrizzazione o infezioni. A volte, dopo l'operazione, compaiono anche piccoli sintomi come gonfiore, ematomi, sensazione di tensione o lieve dolore. L'esperienza ha dimostrato che nel giro di poche settimane questi spariscono. Raffreddare quotidianamente con il ghiaccio può aiutare il processo di guarigione. Se dopo diversi mesi dall'operazione i seni sono asimmetrici o le cicatrici rimangono evidenti, può essere necessario intervenire nuovamente.